Banca intesa, con il massimo segnato a 3.5020 il 26 giugno, innesta una fase correttiva da imputare alle note vicende Grecia-creditori, da considerare onda4 intermedia chiusa al momento con il minimo a 2.9240 dell’8 luglio in appoggio sulla fann gann 2×1, dalla quale è in disegno un pronto recupero che, se nelle prossime sedute dimostrerà forza rimanendo nei momenti di realizzo al disopra del primo supporto utile a 3.1820-3.1580, sarà esteso, una volta superata la resistenziale 3.375-3.3840, al  massimo relativo a 3.5020. Sarà determinante per il titolo proseguire nel movimento rialzista procedendo al superamento convinto di questo importante livello resistenziale, il cui successo proietterà, in onda5 intermedia, a target figura nella fascia 4-4.05, con attenzione all’area intermedia degna di nota tra 3.723.84, dentro la quale il titolo sarà altalenante a conferma dei livelli conquistati, prima di un suo prolungamento all’obiettivo.

Il movimento rialzista in essere sarà in rallentamento se oltre a mancare il superamento di 3.375-3.3840, il titolo sarà visto perdere in modo stabile 3.1580 così da riposizionarsi in area 3.0580-3. Determinante da questo livello la tenuta del limite 2.9620 per evitare la perdita del range e sviluppare un potenziale down compreso tra 2.57-2.42.

 

intesa