Unipol, dopo aver toccato il massimo nell’aprile scorso a 5.445, etichettando onda 1 intermedia, subisce prese di profitto da considerare come onda 2 intermedia di onda 3 primary che si concretizzerà con il superamento in sequenza della gann down 2×1 a 4.54-4.5520, proiettandolo in successiva 1×3, che nei prossimi giorni troverà  punto focale a 4.90-4.9140. Il superamento di questa importante area resistenziale porterà il titolo ad agganciare il massimo 5.04 del maggio scorso il cui successo lo proietterà in pull back sulla gann down 1×4 nella fascia 5.12-5-16. Se questo scenario sarà rispettato il titolo dovrà procedere, da questo livello, al superamento del massimo 5.445  di onda 1 intermedia, il cui successo provocherà un movimento direzionale a rialzo il cui successivo step sarà congruo nella fascia 6.28-6.30, ottimale nella forchetta 7.50-63, dove sarà etichettata onda 3 primary.

Lo scenario rialzista appena descritto sarà negato dal titolo se, oltre a mancare nei prossimi giorni della il superamento stabile della gann 1×2 a 4.54- 4.5520, sarà in perforazione del primo supporto utile a 4.282-4.19 riproponendo il test del minimo segnato l’8 luglio a 4.0820, il cui cedimento provocherà accelerazione down in direzione 3.80 prima e in successivo appoggio sulla gann up 1×2 passante per le prossime sedute a 3.7-3.69.

 

Per cui l’operatività sarà: long su tenuta del supporto 4.28-4.19 con stop curando su perdita di 4.08. Potenziale minimale area 4.90-4.92. Seguire in stop profit per successivi 5.12-5.16 prima e 5.40-45 poi. Se da questo importante livello resistenziale il titolo dimostrerà forza, proseguire nel trade  a completamento di onda 3 primary che ricordo congrua nella fascia 6.28-6.30 ottimale 7.50-63.

 

unipol