Commenti per TradingFib.com https://www.tradingfib.com Consigli sul trading Thu, 30 Jun 2022 18:27:28 +0000 hourly 1 https://wordpress.org/?v=6.0 Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31540 Thu, 30 Jun 2022 18:27:28 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31540 News
Webuild: progetto “Acqua per la vita” contro emergenza idrica
MILANO (MF-DJ)–Ai binari di partenza la proposta di Webuild per un progetto volto a trovare una soluzione definitiva alla grave scarsita’ di acqua che attanaglia il Paese in modo strutturale e non episodico, guardando al lungo ciclo del riscaldamento globale.
Il Gruppo sta infatti elaborando un progetto che a breve sara’ presentato a governo e istituzioni, con delle soluzioni concrete da realizzare nel breve termine, attraverso la costruzione di desalinizzatori che producono acqua potabile dall’acqua del mare, per rimediare al drammatico fabbisogno di acqua in modo stabile e strutturale, allineando l’Italia agli standard dei paesi che hanno gia’ investito in impianti di dissalazione per la produzione di acqua potabile, anche attraverso tecnologie e know-how italiano.
“Contando sulla enorme esperienza mondiale del Gruppo sull’acqua sul suo intero ciclo di produzione inclusa la tecnica della dissalazione, vogliamo promuovere un progetto integrato che permetta al Paese di risolvere questo problema endemico che sta peggiorando sempre piu’. La nostra controllata Fisia ha gia’ realizzato la maggior parte degli impianti di dissalazione in funzione nel Medio Oriente, rendendo possibile la vita in citta’ strappate al deserto come Abu Dhabi o in citta’ ad alto consumo di acqua come Dubai. La carenza idrica in Italia e’ un fenomeno storico e non solo momentaneo legato al cambiamento climatico. E’ necessario un intervento immediato e strutturale per risolvere una volta per tutte lo stato di profonda crisi idrica del Paese, approfittando del momentum positivo per la realizzazione di infrastrutture e dell’esperienza di soggetti istituzionali ed imprenditoriali, che insieme si possono mettere a disposizione del Paese e degli italiani per fornire soluzioni al problema, anche facendo ricorso a risorse del PNRR” dichiara Pietro Salini, Amministratore Delegato di Webuild.
Mancanza di piogge, ma anche infrastrutture non adeguate: in Italia oltre alla ridotta produzione di acqua ed alla ridotta dimensione di pochi impianti di desalinizzazione si aggiunge la cronica mancanza di manutenzione degli impianti di distribuzione e quasi 1 miliardo di metri cubi d’acqua potabile viene sprecato ogni anno, piu’ di 1/3 di tutta l’acqua a disposizione.
In 11 Comuni capoluogo di provincia/citta’ metropolitana, tutti nel Mezzogiorno, sono state adottate misure di razionamento nella distribuzione dell’acqua. Le prime 7 regioni per irregolarita’ nell’approvvigionamento idrico (percentuale di famiglie che dichiarano assenza di acqua) risultano Calabria (39%), Sicilia (22%), Abruzzo (17%), Campania (16%), Molise (15%), Sardegna (13%), Lazio (12%).
Il 32% della popolazione lamenta scarsita’ di acqua potabile, per un valore stimato in circa mezzo miliardo di metri cubi per anno. Tale richiesta potrebbe essere soddisfatta dalla produzione garantita dall’acqua prodotta attraverso impianti di desalinizzazione dell’acqua del mare, come avviene in molti paesi nel mondo. L’Italia oggi ha una produzione del 4% di acqua desalinizzata rispetto al consumo totale (in Spagna e’ del 56%; in Australia e’ pari al 26%) fatta prevalentemente con piccoli impianti nelle isole minori (Lipari, Elba, Ischia, …), nonostante sia una penisola bagnata da diversi mari.
Il Gruppo Webuild, tra i leader mondiali delle infrastrutture nel settore acqua, attivo nell’intero ciclo idrico, dall’approvvigionamento a fini potabili e irrigui al trattamento finale delle acque reflue, ha individuato delle soluzioni alla crisi idrica del Paese con la costruzione di desalinizzatori, che gia’ realizza da decenni in molte aree aride del mondo. Con Fisia Italimpianti, Webuild e’ leader mondiale nella progettazione sostenibile e nella realizzazione di impianti per il trattamento delle acque e per la dissalazione, con una produzione pari a 6.000.000 m3/giorno di acqua trattata, che soddisfa ogni giorno le esigenze d

Dettagli news

Data e Ora30 giugno 2022

Società

MittenteDowJones

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31539 Thu, 30 Jun 2022 06:29:48 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31539 Webuild: a 6 mld nuovi ordini acquisiti e in corso di finalizzazione
MILANO (MF-DJ)–E’ di oltre 6 miliardi di euro il valore consolidato dei nuovi ordini acquisiti e in corso di finalizzazione registrate dal Gruppo Webuild da inizio 2022 ad oggi. Si tratta, spiega una nota, di contratti acquisiti o per cui Webuild o le sue partecipate risultano miglior offerente, che raggiungono 19 miliardi includendo il mega contratto gia’ firmato negli Stati Uniti per l’alta velocita’ in Texas, del valore di 16 miliardi di dollari (13 miliardi di euro). Un totale di ben 17 progetti, di cui oltre l’80% in Paesi a basso profilo di rischio (Europa, Australia e Nord America), nel settore delle infrastrutture stradali (46%) e ferroviarie (28%), nel settore dell’edilizia (21%) e degli impianti (5%). Una grande opportunita’ anche per l’intera filiera del Gruppo Webuild che a oggi, per la realizzazione dei 27 grandi progetti infrastrutturali che ha in corso in Italia, ha coinvolto 8.000 imprese. Webuild conferma l’obiettivo di una crescita diversificata delle sue attivita’, che possa fare da traino anche per l’intero settore domestico e supportare la ripresa del Paese, favorendo l’introduzione di soluzioni innovative a livello tecnologico, anche attraverso investimenti in innovazione, sicurezza, formazione e sostenibilita’. Quest’ultima e’ un tema centrale nelle politiche di sviluppo commerciale del Gruppo Webuild che, al 31 dicembre 2021, ha registrato un portafoglio ordini al livello record di 45,4 miliardi, per il 92% relativo a progetti legati all’avanzamento di obiettivi di sviluppo sostenibili. Un risultato a cui Webuild punta anche facendo leva sulla capacita’ realizzative di societa’ integrate nel gruppo, come ad esempio Fisia Italimpianti, in grado di offrire soluzioni innovative per incrementare la disponibilita’ idrica, offrendo acqua potabile e di qualita’ in aree dove questa risorsa naturale risulta insufficiente o gravemente inquinata, o CSC Construction, societa’ basata in Svizzera con forti competenze nel green building e nel tunneling. lab (END) Dow Jones Newswires June 30, 2022 02:17 ET (06:17 GMT) Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31538 Mon, 27 Jun 2022 06:28:46 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31538 Webuild: in Texas luce verde per l’alta velocita’
MILANO (MF-DJ)–I lavori per il primo treno ad alta velocita’ degli Stati Uniti ora potranno partire: la Corte Suprema del Texas, dopo una lunga vertenza nei tribunali dello Stato, ha conferito alla societa’ Texas Central, titolare del progetto del treno superveloce tra Dallas e Houston, il diritto di espropriare i terreni necessari alla realizzazione del progetto. Si tratta del capitolo finale, in ambito giudiziale, per la realizzazione della nuovissima ferrovia texana, la cui costruzione e’ affidata a Webuild, con la sua consociata americana Lane. I proprietari terrieri si erano opposti all’esproprio delle aree interessate dal collegamento ferroviario, forse anche nella speranza di ottenere prezzi piu’ alti. La Corte, riconoscendo di fatto lo status di compagnia ferroviaria alla Texas Central, le ha conferito “l’autorita’ di dominio eminente secondo il Codice dei trasporti del Texas”. La sentenza della Corte ha annullato la sentenza del tribunale di primo grado che aveva accolto parzialmente le ragioni dei proprietari fondiari, confermando invece il giudizio di appello che le aveva respinte. Si tratta di una tappa decisiva nella realizzazione dell’infrastruttura americana per l’alta velocita’, che vede coinvolte aziende internazionali come la Central Japan Railway che fornira’ il treno del tipo Tokaido Shinkansen, attivo con successo da oltre mezzo secolo in Giappone, la spagnola Renfe per la gestione ferroviaria e il maggior gruppo italiano delle costruzioni Webuild, che si avvarra’ della collaborazione della Italferr (Gruppo Ferrovie dello Stato). Webuild e la sua controllata Lane realizzeranno tutte le opere di ingegneria civile, per un contratto del valore di 16 miliardi di dollari. Con la costruzione della nuova linea ferroviaria si stima che verranno creati 17mila posti di lavoro diretti e oltre 20mila indiretti; una volta che i treni entreranno in servizio, saranno creati oltre 1.500 posti di lavoro diretti. Il treno superveloce del Texas percorrera’ i 379 km da Dallas a Houston in circa 90 minuti. Si tratta della prima vera linea ad alta velocita’ negli Stati Uniti e garantira’ ai passeggeri una modalita’ di trasporto sicura e sostenibile in grado di raggiungere una velocita’ massima di 300 km orari. Della nuova linea ferroviaria, che e’ anche uno dei piu’ importanti progetti infrastrutturali varati negli Stati Uniti, si stima potranno beneficiare almeno 100 mila pendolari che ogni settimana si spostano in aereo o in auto tra le due citta’, riducendo, secondo i calcoli di progetto, di oltre 100mila tonnellate le emissioni di gas serra. fch (END) Dow Jones Newswires June 27, 2022 02:08 ET (06:08 GMT) Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31534 Fri, 13 May 2022 06:09:06 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31534 MILANO (MF-DJ)–Webuild si e’ aggiudicato un contratto da oltre 1 miliardo di euro, da eseguire in consorzio, per la realizzazione del Lotto 3 dell’Autostrada Sibiu-Pitesti in Romania. Il Lotto 3, spiega una nota, rappresenta la tratta piu’ complessa della futura Autostrada Sibiu-Pitesti, in quanto attraversera’ i Carpazi, tra Cornetu e Tigveni, lungo un tracciato di 37,4km di lunghezza, comprensivo di 12,5 km di ponti e viadotti e di un tunnel a doppia canna di 1,7km. L’aggiudicazione e’ stata resa nota al termine di una gara internazionale che ha coinvolto costruttori austriaci, italiani, rumeni, spagnoli e turchi, in cui hanno prevalso parametri di valutazione come l’expertise nella progettazione e realizzazione di gallerie complesse e la solidita’ finanziaria delle imprese. Per l’esecuzione dei lavori, saranno impiegate piu’ di 40.000 persone. Commissionati da CNAIR, per conto del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture rumeno, i lavori saranno eseguiti dal consorzio partecipato da Webuild (leader, in quota al 90%) e dall’impresa locale Tancrad (10%). Le opere saranno finanziate per l’85% con fondi europei e per il restante 15% con fondi statali. Il nuovo contratto rientra nel piu’ ampio progetto di realizzazione dell’Autostrada Sibiu-Pitesti, per cui Webuild sta gia’ realizzando il Lotto 5 a soli 10km di distanza dalle aree del Lotto 3. Una volta completate le 5 sezioni ad oggi in costruzione, la Sibiu-Pitesti avra’ una lunghezza totale di oltre 122km e contribuira’ a collegare la Romania centrale e occidentale alla rete europea autostradale in quanto parte del Corridoio Reno-Danubio della rete di trasporto transeuropea TEN-T. Il Lotto 3 prevede la progettazione e la costruzione di 23,3km di autostrada a doppia carreggiata, la realizzazione di 48 ponti e viadotti per un totale di 12,5km, la realizzazione del tunnel Poiana, lungo 1,7km e a doppia canna, due svincoli stradali a Valeni e Cornetu, oltre che lavori di consolidamento su 18km di autostrada, la realizzazione di un centro di manutenzione e coordinamento, e opere di tutela ambientale. E’ inoltre previsto la realizzazione di un ecodotto, destinato alla fauna locale, per l’attraversamento del fiume Olt. I lavori consentiranno inoltre di decongestionare il traffico nella tratta compresa tra le localita’ di Cornetu e Tigveni, fornendo una piu’ adeguata alternativa alle strade nazionali. Al servizio di questo progetto complesso, Webuild mette un track record che include lo scavo di circa 2.400km di gallerie e la realizzazione di circa 80.300km di strade e autostrade nel mondo. Nell’ambito della Rete TEN-T, solo in Italia Webuild e’ oggi impegnata nella realizzazione di 400km di ferrovie, con 16 progetti strategici e di rilievo come il Terzo Valico dei Giovi-Nodo di Genova e la linea ferroviaria ad alta velocita’ che colleghera’ Napoli a Bari in Italia. fch (END) Dow Jones Newswires May 13, 2022 02:04 ET (06:04 GMT) Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31533 Thu, 12 May 2022 16:48:33 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31533 Webuild: nuovi ordini 1* trim a 5,3 mld in Paesi chiave
MILANO (MF-DJ)–I risultati dell’attivita’ commerciale confermano il ruolo del Gruppo Webuild quale principale player nel settore delle infrastrutture, sempre piu’ consolidato sul mercato domestico e sempre piu’ competitivo su quello internazionale. Nel corso dei primi mesi del 2022, Webuild ha acquisito un volume di nuovi contratti pari a circa 5,3 miliardi, per lo piu’ all’estero.
Il dato, spiega una nota, include 3,1 miliardi di progetti per i quali Webuild e’ risultata migliore offerente.
La pipeline complessiva delle attivita’ commerciali del Gruppo ammonta a circa 27,4 miliardi e include gare presentate e in attesa di aggiudicazione per circa 6,9 miliardi, di cui la maggior parte attesa in assegnazione nel corso del 2022.
Nel mercato domestico sono attesi circa 24 miliardi di investimenti in grandi opere, di cui 14 miliardi relativi a progetti inclusi nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), per i quali si prevede un’accelerazione delle gare nel secondo semestre dell’anno.
Rimane costante il commitment del Gruppo in tema di sostenibilita’ con un focus su infrastrutture per la mobilita’ sostenibile e transizione climatica. Il collocamento, concluso con successo nel primo trimestre, di un nuovo bond “Sustainability-Linked” per 400 milioni, rafforza l’impegno di Webuild volto ad integrare pienamente la sostenibilita’ nella propria strategia di business e finanziaria. La nuova emissione e’ legata al raggiungimento dell’obiettivo di riduzione del 50%, entro il 2025, della carbon intensity emissions (Scope 1 & 2), contribuendo cosi’ all’avanzamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (“SDG”) fissati dalle Nazioni Unite.
Durante il collocamento sono stati raccolti ordini per circa 900 milioni, in esubero per oltre 2,2 volte, con una domanda rilevante da parte di investitori nazionali e internazionali, provenienti soprattutto da Gran Bretagna, Germania e Francia.

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31532 Thu, 05 May 2022 06:42:24 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31532 MILANO (MF-DJ)–Lane, la controllata statunitense del gruppo Webuild, si e’ aggiudicata un contratto da 357 milioni di dollari (340 milioni di euro circa) per la ricostruzione della Tyndall Air Force Base (AFB), a Panama City, in Florida. La Tyndall AFB, spiega una nota, e’ oggetto di un vasto programma di sviluppo e ammodernamento, di cui il contratto Lane e’ parte integrante, a seguito dei forti danni subiti con l’uragano Michael nel 2018. I lavori assegnati a Lane contribuiranno a rendere la struttura piu’ funzionale e resiliente rispetto a futuri eventi climatici eccezionali. Il nuovo contratto porta a 3,1 miliardi di euro il portafoglio ordini Webuild in Nord America, dove il Gruppo ha generato il 21% del fatturato 2021 e intende crescere ulteriormente, anche facendo leva sugli importanti piani di sviluppo infrastrutturale programmati negli Usa. La Florida, uno degli stati americani a maggiore crescita economica, si conferma un mercato di grande importanza per Lane e Webuild. Commissionato dalla U.S. Army Corps of Engineers (USACE) e identificato come “Two-Phase Design and Construction Site Development and Utilities Phase I and II”, il nuovo contratto e’ al 100% Lane e prevede la progettazione e la realizzazione di infrastrutture stradali, parcheggi, impianti elettrici, impianti idraulici e per la gestione delle acque reflue e pluviali, sistemi di comunicazione, sistemi antincendio, e opere connesse. E’ previsto che i lavori saranno avviati nell’estate 2022 e andranno ultimati entro meta’ 2026. Lane, controllata americana del Gruppo Webuild, ha una presenza storica e radicata negli Usa, dove opera in piu’ di 20 Stati prevalentemente nel settore della mobilita’ sostenibile (autostrade, ponti, tunnel, aeroporti). In ambito infrastrutture militari, ha realizzato numerosi progetti, tra cui interventi riferiti alla Naval Air Station Oceana di Virginia Beach, in Virginia, e alla Eglin Air Force Base in Florida. Tra i progetti in corso negli USA, di rilievo e’ l’Unionport Bridge di Brooklyn a New York. fch (END) Dow Jones Newswires May 05, 2022 02:30 ET (06:30 GMT) Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31531 Wed, 04 May 2022 09:15:16 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31531 Webuild conduce con successo i test di Axel (Autonomous Exploration Electrified Vehicle), un prototipo al mondo per esplorare i tunnel in sicurezza
Tunnel ispezionato da robot nel sito “Nicchie La Maddalena” sul lato italiano della galleria di base Torino-Lione commissionato da TELT
Prototipo telecomandato in grado di sostituire i lavoratori durante l’esplorazione del tunnel
Sviluppato per Webuild, robot al massimo livello di affidabilità
Robot a zero emissioni in grado di resistere a condizioni atmosferiche difficili
Sviluppato con Competence Industry Manufacturing 4.0 (CIM), uno dei principali Competence Center in Italia

CHIOMONTE, 8 aprile 2022 – Webuild e la sua controllata svizzera CSC Costruzioni hanno completato con successo il test di un robot chiamato AXEL (Autonomous Exploration Electrified Vehicle), un prototipo basato su una tecnologia all’avanguardia per migliorare la sicurezza dei lavoratori coinvolti nello scavo della galleria di base Torino-Lione. L’innovativo robot telecomandato è una novità mondiale, in grado di ispezionare le condizioni atmosferiche di un tunnel dove i potenziali rischi sono sconosciuti. AXEL è il risultato di una collaborazione tra il Gruppo Webuild e un centro di ricerca chiamato Competence Industry Manufacturing 4.0 (CIM). Il suo scopo era quello di condurre un’ispezione preliminare di una galleria presso il cantiere “Nicchie La Maddalena” sul lato italiano della galleria di base pianificata tra le due città. È un esempio di come l’innovazione viene applicata alla robotica in modo da aumentare la sicurezza per i lavoratori nel settore delle infrastrutture.

Commissionato da TELT (Tunnel Euralpin Lyon Torino), l’ente pubblico binazionale responsabile dello sviluppo e della gestione di una ferrovia ad alta velocità/alta capacità da costruire sotto le Alpi tra Torino e Lione, il sito delle Nicchie La Maddalena ha richiesto l’ispezione di tre chilometri di un tunnel diagnostico, o esplorativo, per garantire che le condizioni atmosferiche sconosciute fossero sicure per i lavoratori. L’ispezione è stata condotta da AXEL, che prende il nome dal personaggio principale r nel romanzo “Viaggio al centro della Terra” scritto da Jules Verne.

AXEL è il primo esempio in Italia dell’uso della robotica per esplorare un tunnel nel sito di una ferrovia pianificata. Ha permesso la raccolta e l’analisi di dati sull’atmosfera per identificare le aree in cui i lavoratori possono lavorare in sicurezza. Può essere controllato a distanza per un massimo di due chilometri. Dotato di telecamere, sensori, antenne di comunicazione, il robot garantisce un elevato livello di affidabilità in quanto opera in condizioni ambientali difficili. Alimentato da una batteria, non produce emissioni.

Axel

AXEL è solo l’ultimo esempio di ricerca applicata ad essere implementato da Webuild, che affronta ogni progetto e cantiere come un’opportunità di innovazione, soprattutto in termini di sicurezza dei lavoratori, sostenibilità ambientale ed efficienza.

I lavori da svolgere nel sito di Nicchie La Maddalena fanno parte dei preparativi per lo scavo della galleria di base, che sarà lunga 65 chilometri. Incoraggiando i viaggi su rotaia piuttosto che su strada, la ferrovia contribuirà a evitare tre milioni di tonnellate di emissioni di CO2 ogni anno. Farà parte della ferrovia ad alta velocità/alta capacità che collegherà Parigi e Milano. Fa parte del Corridoio Mediterraneo della Rete Transeuropea dei Trasporti (TEN-T), l’ambiziosa iniziativa dell’Unione Europea per la mobilità sostenibile per collegare le reti ferroviarie della regione e aumentare il trasporto merci su rotaia piuttosto che su strada.

Webuild sta lavorando su altri lotti TELT. Nel luglio 2021 il Gruppo e i suoi partner si sono aggiudicati un contratto del valore di 1,43 miliardi di euro per lo scavo di una sezione della galleria di base. Il lotto 2 comprende i cantieri di La Praz e Saint-Martin-de-la-Porte. Coinvolge anche un totale di 46 chilometri di gallerie che includeranno due gallerie parallele che formano la linea ferroviaria, nonché un sistema di gallerie ausiliarie. Nel 2020, il Gruppo e i partner del consorzio si sono aggiudicati un contratto da 450 milioni di euro per il Lotto 5A. Prevede i lavori preparatori per la realizzazione di un cantiere di sicurezza a Modane e di quattro pozzi di ventilazione che saranno al servizio della futura galleria di base con l’obiettivo di costruire un hub logistico a 500 metri sotto il Massiccio dell’Ambin.

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31530 Wed, 04 May 2022 07:40:01 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31530 Webuild: conclusa acquisizione quote di minoranza Cossi Costruzioni
MILANO (MF-DJ)–Completata l’acquisizione da parte di Webuild di Cossi Costruzioni, societa’ specializzata nel tunnelling e attiva anche nel settore delle manutenzioni stradali, in Italia e all’estero. Webuild, spiega una nota, ha rilevato la partecipazione di Banca Popolare di Sondrio e Liri Srl (famiglia Cossi) in Cossi Costruzioni, titolari di una quota del 18,25% ciascuna. L’acquisizione delle quote di minoranza da’ seguito a quanto gia’ previsto nell’accordo di investimento e nel patto parasociale stipulato tra le parti a marzo 2019, nell’ambito dell’operazione di acquisizione da parte di Webuild del 63,5% della societa’. Nata nel 1976, Cossi Costruzioni vanta una storia pluriennale nel settore delle costruzioni in ambito pubblico e privato, con competenze specifiche nel tunnelling e nella realizzazione di viadotti e con una forte vocazione nel comparto delle manutenzioni stradali. La societa’ ha forte radici nel territorio valtellinese, opera principalmente in Italia e in Svizzera, ed impiega oltre 100 dipendenti. Tra le opere piu’ significative realizzate dal Gruppo Cossi ci sono il ripristino del Traforo del Monte Bianco, la realizzazione di importanti lotti autostradali in Italia e in Svizzera, la costruzione del tunnel ferroviario di base del Monte Ceneri in Svizzera, la realizzazione della nuova statale 38 “Variante di Morbegno” in Valtellina. La societa’ ha partecipato anche alla costruzione del Ponte San Giorgio a Genova, a fianco del consorzio PerGenova. L’acquisizione di Cossi Costruzioni va a consolidare il gia’ rilevante expertise del Gruppo Webuild nel settore tunnelling, forte di un track record che include lo scavo di circa 2.400km di gallerie. Tra i progetti di rilievo, tratte rilevanti del tunnel del Brennero e il Terzo Valico di Giovi-Nodo di Genova, nonche’ grandi progetti per la realizzazione di tunnel idraulici negli Stati Uniti. com/lab MF-DJ NEWS 0409:37 mag 2022 (END) Dow Jones Newswires May 04, 2022 03:38 ET (07:38 GMT) Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31529 Wed, 04 May 2022 07:02:36 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31529 Aggiornamento sul programma di acquisto di azioni proprie
Milano, 2 maggio 2022 – Webuild S.p.A. comunica che, a seguito della delibera assunta dai propri azionisti nell’assemblea ordinaria del 28 aprile 2022 che ha approvato il riacquisto e la disposizione di azioni proprie, a seguito della revoca della delibera di autorizzazione adottata nell’assemblea ordinaria del 30 aprile 2021 per la parte incompleta:

– il programma di acquisto di azioni proprie avviato il 27 gennaio 2022 ai sensi della delibera assembleare del 30 aprile 2021 conclusasi il 28 aprile 2022.
Nel periodo dal 27 gennaio 2022 al 28 aprile 2022 (incluso), la società ha riacquistato 9.025.137 azioni proprie (LEI: 549300UKR289DF4UXQ47) con un prezzo unitario medio di 1,6726 euro per un totale di 15.031.559,19 euro nell’ambito del presente programma;

– il programma di acquisto di azioni proprie di cui alla delibera assemblea del 28 aprile 2022 (il “programma”) con decorrenza 29 aprile 2022.

***

Ai sensi dell’articolo 144-bis della delibera Consob n. 11971/1999 (Regolamento Emittenti), si riportano di seguito i dettagli relativi al programma.

Finalità del programma
Riacquisto di azioni proprie nella misura consentita e nel rispetto delle misure previste dalle leggi e dai regolamenti applicabili nonché delle prassi di mercato consentite dalla Consob o da altre autorità competenti al fine di:
a) operare sul mercato, nel rispetto delle leggi e dei regolamenti applicabili attualmente in vigore e tramite intermediari, sostenere la liquidità del titolo e stabilizzare l’andamento delle negoziazioni e dei prezzi, in presenza di eventuali fluttuazioni dei prezzi che riflettano andamenti anomali, compresi quelli legati ad eccessiva volatilità o scarsa liquidità di negoziazione e/o a collocamenti di azioni ordinarie sul mercato da parte di azionisti che abbiano l’effetto di incidere sul suo prezzo e/o più in generale su situazioni contingenti di mercato. In tal caso, la società mette a disposizione del mercato tutte le informazioni aggiuntive richieste dalla legge applicabile e dalla pratica di mercato;
b) effettuare investimenti a medio e lungo termine, o comunque al fine di cogliere opportunità di mercato attraverso il riacquisto e la rivendita delle azioni ove opportuno;
c) dotarsi di un portafoglio di azioni proprie da utilizzare nell’ambito di eventuali operazioni di finanza straordinaria e/o incentivazione e/o per altri usi ritenuti di interesse finanziario, gestionale e/o strategico per la società.
Le operazioni di vendita con patto di riacquisto non sono strumentali alla riduzione del capitale sociale mediante l’annullamento delle azioni proprie riacquistate.

Numero massimo di azioni proprie e durata del programma
Il programma di acquisto di azioni proprie, che potrà essere attuato entro 18 mesi dalla data della delibera assembleare e, pertanto, non oltre il 28 ottobre 2023, potrà coinvolgere fino ad un numero massimo di azioni ordinarie della società non superiore al 10% del numero complessivo di azioni ordinarie in circolazione al momento dell’operazione.

Corrispettivo minimo e massimo e valore complessivo
L’acquisto di azioni proprie non può differire, in ogni caso, né al ribasso né al rialzo, di oltre il 20% rispetto al prezzo di riferimento registrato dall’azione ordinaria nel corso della seduta di borsa che precede ogni singola operazione.

Le modalità con cui è possibile effettuare
le operazioni di riacquisto di azioni proprie sono effettuate nel rispetto del principio della parità di trattamento degli azionisti secondo le modalità operative stabilite dalle leggi e dai regolamenti applicabili e dalle prassi di mercato di volta in volta consentite dalla Consob o da altre autorità competenti.
Al fine di effettuare le proprie operazioni di acquisto di azioni proprie, la società si avvarrà di intermediari finanziari che opereranno in piena autonomia e senza essere influenzati dalla società circa i tempi degli acquisti, fatte salve le ulteriori comunicazioni che la società dovrà effettuare al riguardo in conformità a quanto previsto dal quadro giuridico e regolamentare applicabile, comprese le pratiche di mercato accettate, a seconda dei casi.
Il programma non obbliga la società a riacquistare le proprie azioni proprie o a farlo nella misura massima autorizzata dagli azionisti. Il programma può essere attuato in parte e/o sospeso, interrotto e revocato in qualsiasi momento, con riserva di preavviso.

*****
Alla luce di quanto sopra, Webuild S.p.A. comunica di aver riacquistato n. 490.495 azioni proprie (LEI: 549300UKR289DF4UXQ47) ad un prezzo unitario medio di € 1,6235 per complessivi € 798.272,18 nella settimana dal 25 al 29 aprile 2022 come debitamente autorizzato dalla delibera dei propri azionisti del 30 aprile 202, per le operazioni effettuate fino al 28 aprile 2022 (inclusi) e la delibera del 28 aprile 2022, per le operazioni effettuate in data 29 aprile 2022.
I riacquisti sono stati effettuati tramite l’intermediario Intermonte S.p.A..
I riacquisti effettuati su base giornaliera sono riportati di seguito, mentre i dettagli delle operazioni effettuate nel periodo sono riportati nell’allegato.

DATTERO

NO. DI AZIONI RIACQUISTATE

PREZZO UNITARIO MEDIO (Euro)

TOTALE
(Euro)

25/04/2022

165,000

1.6353

269,829.45

26/04/2022

152,000

1.6322

248,090.60

27/04/2022

93,551

1.6149

151,074.29

28/04/2022

43,956

1.6135

70,921.03

29/04/2022

35,988

1.6216

58,356.81

Totale

490,495

1.6235

798,272.18

A seguito di tali riacquisti, al 29 aprile 2022 Webuild S.p.A. detiene n. 10.391.970 azioni proprie, pari all’1,039% del capitale ordinario.

]]>
Commenti su Webuild: Titolo da comperare di Fabrizio Fa https://www.tradingfib.com/webuild-titolo-da-comperare/#comment-31528 Wed, 04 May 2022 06:52:37 +0000 https://www.tradingfib.com/?p=13330#comment-31528 MILANO (MF-DJ)–Il maxi-polo delle costruzioni potrebbe essere pronto ad allargarsi, anche se i termini della dell’espansione del perimetro sono ben diversi da quelli di un’operazione di vera e propria aggregazione. Secondo quanto appreso da MF-Milano Finanza da piu’ fonti finanziarie, Cmc Ravenna avrebbe bussato alla porta di Webuild per sottoporre al gruppo la possibilita’ di rilevare una serie di asset composti da alcuni cantieri internazionali, in un’operazione che se da un lato consentirebbe al gruppo guidato da Pietro Salini di crescere ulteriormente in ottica globale, permetterebbe soprattutto alla societa’ cooperativa romagnola di reperire risorse da utilizzare per proseguire con il piano di concordato in continuita’ omologato a fine maggio 2020. Nelle sale operative le indiscrezioni circolano da tempo, anche se vi e’ molto riserbo riguardo gli asset che dovrebbero essere oggetto di trattiva. Una pista in questo senso potrebbe pero’ trovarsi nel piano di salvataggio di Cmc Ravenna: all’epoca si era infatti parlato di una serie di dismissioni che vanno dalle partecipazioni sino agli immobili. Quanto alle prime, la priorita’ da piano e’ cedere quelle detenute negli Stati Uniti, quindi il 66,6% di DiFazio Industries Inc e probabilmente la LM Heavy Civil Construction (di cui detiene il 100%), mentre dovrebbero essere mantenute le attivita’, considerate molto redditizie, di Cmc Africa Austral Lda, maggiore impresa di costruzioni in Mozambico con circa 3.000 dipendenti e un fatturato di circa 100 milioni e una presenza anche in Malawi, Angola, Sudafrica. Cosi’ come poi vi sarebbe una serie di immobili ancora da sviluppare e altri di tipo industriale che paiono non essere piu’ funzionali all’impresa. red/lab MF-DJ NEWS 0408:06 mag 2022 (END) Dow Jones Newswires May 04, 2022 02:07 ET (06:07 GMT) Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.

]]>