Buona sera Gruppo

in attesa dell’apertura dei mercati lunedì, diamo uno sguardo, graficamente parlando, al FIb su compressione grafica daily, in cui sono andate in scadenza tre differenti setup tempo-prezzo, estrapolati da periodi temporali diversi, da me ritenuti importanti, il 13-15-17 maggio 2013. Il 13 maggio, offerto dallo square disegnato sul massimo del settembre 2009, il 15 maggio deriva dallo square sul massimo del maggio 2007 e, ultimo ma non per secondaria importanza, il 17 maggio estrapolato dal quadrato di nove su minimo del 24 luglio 2012.,[private levels=”club-premium-tradingfib-com-3mesi,super-offerta-club-premium-tradingfib-com,super-offerta-club-premium-tradingfib-com-2,tradingfib-club-premium,tradingfib-club”]private content here Come noto, quando si è alla presenza di un setup, le attese sono per un massimo-minimo da cui può avvenire un cambio direzionale che, secondo il periodo temporale di osservazione, può essere significativo. Essendo questa un’osservazione su periodo temporale daily, possiamo porre come periodo temporale correttivo da 1 a 3 mesi così, se il FIb rispetterà le attese,  molto probabilmente siamo in area di massimo, avvallato oltre che dai setup temporali, anche  da altri conteggi come per esempio: la distanza tra il precedente massimo e quello segnato venerdì a 17400, di 108 giorni di calendario o 75 di trading. La distanza tra il minimo di luglio 2012 e il massimo di venerdì , di 29 giorni di trading o  42 di calendario, che risultano essere cicli importanti. Non solo, i livelli di prezzo raggiunti in questa settimana sono anche step offerti da proiezioni importanti di gann e Fibonacci e, non ultimo per importanza, dal transito dalle gann fann planetaria di Marte e saturno, due pianeti che influenzano statisticamente non poco il nostro future. Tutte queste coincidenze offrono, se non un’inversione immediata, un’attenzione a prendere posizione long, poiché alte sono le probabilità che si possa assistere a un’inversione da 1 a tre mesi.

Da segnalare cmq, che il FIb ha ancora margine di rialzo offerto dal quadrante finale a 360°sistemato a 17645, molto vicino al transito della fann planetaria di saturno che, pur essendo violata molte volte nella serie storica di qualche punto percentuale, ha, di fatto, centrato i massimi e minimi di periodo, da cui si sono avute correzioni o inversioni degne di nota, sfruttabili in termini operativi offrendo un buon margine profittevole.

Fatta questa precisazione, quello che dobbiamo attenderci per lunedì sarà, grazie ancora una volta alla stratosferica forza dell’spf, un’apertura a rialzo che probabilmente proietterà il nostro FIb sulla fann planetaria di saturno in area 17460-480, da cui probabilmente si assisterà a un ritracciamento down che, per rimanere in tendenza up, dovrà essere limitato all’area 17380-320 su compressione intra, da cui innestare  uno spunto up immediato a target sullo square a 360° intorno all’area 17600-640. Altrimenti, nel caso di cedimento del supporto, seguito dalla successiva perdita dell’area supportiva sistemata tra 17230-190, il down prenderà vigore e si porterà a contatto con uno step importante qual è 17020-16940, da cui attendo una reazione contraria che permetterà un pullback a conferma del down in disegno.  L’evoluzione, correttiva, sarà disegnata nel classico A-B-C , in questo caso di grado minore,  il cui punto A è atteso al 38.2% del tratto di onda3 intermedia, compreso tra il massimo che verrà segnato e il minimo dell’aprile scorso a 14985, equivalente all’area target più volte citata tra 16440-16400. A quel punto, come da manuale, si dovrà andare in onda B il cui potenziale è atteso tra il 37.5-50% equivalente all’area 16820-16950, con punte possibili sulla critica 17020-050. Onda C, dai livelli di massimo di onda B, avrà un potenziale compreso tra 16200-16100, supporto strategico che tiene in piedi i target di movimento in onda5 intermedia di onda3 primary. La fase correttiva descritta,  ipoteticamente  si svilupperà in un due mesi circa, facendo riferimento  al setup del 25-27 maggio dove è atteso il minimo di onda A. Mentre, onda B dovrebbe raggiungere il suo massimo nel setup del 21-24 giungo, da cui attivare il down e, in quel del 19 luglio chiudere onda C.

 Questo, dovrebbe nella sostanza essere il movimento correttivo che si attende da questa ipotetica area di massimo, perché, se il Fib dovesse al contrario proseguire sopra del limite 17640, le prospettive sono per un attacco immediato al massimo di gennaio fatto segnare in area 17945-50, sopra del quale aprirà nuovi spazi per area 18300-500, esasperando così non poco onda3 intermedia, che è già strutturata in estesa da questi valori.

Bene Gruppo, le indicazioni sono tracciate, ora non c’è altro che viverle nelle settimane a venire. Nel frattempo,  auguro a tutti buona serata e serena dominica a tutto il gruppo…

fib-daily

 

 

 

 

[/private]